Scienza e Tecnologia

All'Istituto Giua di Cagliari il primo premio nella gara nazionale per la Macchina di Turing

Si è svolta sabato 14 aprile la ventiduesima edizione della Gara Nazionale di Programmazione della Macchina di Turing. La classifica finale ha visto primeggiare su tutti l'Istituto "Michele Giua" di Cagliari, con i ragazzi Valentino Cadoni e Giusto Piedimonte.



La competizione è organizzata dal dipartimento di Informatica dell'Università di Pisa per studenti delle scuole medie superiori.

L'obiettivo della gara è quello di introdurre gli studenti alle idee base della programmazione utilizzando il formalismo delle macchine di Turing, un formalismo facile da spiegare, ma che consente di esprimere un qualunque programma. Gli studenti, che partecipano in coppie, hanno tre ore di tempo per risolvere 10 problemi molto complessi, dovendo capire come codificarli in un programma che possono verificare utilizzando un simulatore on-line. Sulla scia della competizione nazionale, da quattro anni è nata la Gara della Regione Lazio e da tre quella della Regione Sardegna.

Alla competizione 2018 hanno partecipato 42 squadre di 23 istituti provenienti da molte regioni italiane, con diverse nuove adesioni rese possibili anche grazie al supporto del Rotary Club Pisa Galilei.


La classifica finale ha visto primeggiare l'Istituto "Michele Giua" di Cagliari, con i ragazzi Valentino Cadoni e Giusto Piedimonte.
I ragazzi hanno ricevuto un assegno di 500 euro e la possibilità di immatricolarsi gratuitamente presso l'Università di Pisa. Un premio di 1000 euro è stato assegnato all'Istituto Giua.

La gara delle Macchine di Turing promossa dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa, nasce nel 1997 come iniziativa per la settimana della cultura promossa dal Ministero dell’Università e della Ricerca.
L’iniziativa fu concepita sia come strumento per diffondere la cultura informatica che come un modo per orientare i ragazzi delle scuole medie superiori verso l’informatica come disciplina e non semplicemente studio dell’uso del computer e di alcuni suoi programmi.
Uno dei principali obiettivi dell’iniziativa era quella di orientare tutti gli studenti delle scuole superiori cercando di non creare distinzioni tra quelli che frequentavano scuole in cui l’informatica venisse insegnata e quelle, come ad esempio il liceo classico, in cui era assente. Poiché l’algoritmica è uno degli aspetti essenziali dell’informatica, così come la manipolazione simbolica, si scelse di far gareggiare gli studenti utilizzando un formalismo di calcolo molto semplice usato in informatica teorica e molto lontano dai moderni linguaggi di programmazione: la macchina di Turing.


Il formalismo della macchina di Turing, proposto dal grande matematico Alan Turing, ha svolto un ruolo cruciale nella definizione delle funzioni calcolabili dall’uomo ed è stato uno strumento per realizzare dimostrazioni cruciali per l’informatica teorica.


La fama della gara è cresciuta nel tempo al punto tale che il Ministero della Pubblica Istruzione ha deciso di inserirla tra le gare che sono considerate per stabilire l’eccellenza degli studenti delle scuole superiori sul territorio nazionale che nell’area scientifica tecnologica si limita a 19 iniziative.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it