Scienza e Tecnologia

Un ricercatore dell'Universita' di Cagliari in Cina, nel quartier generale di huawei

Si chiama Battista Biggio, è un ricercatore di sistemi di elaborazione delle informazioni e ha tenuto una comunicazione sull'intelligenza artificiale in Cina.



Il contributo del professore è stato dato in occasione dell'huawei strategy and technology workshop 2018, il meeting mondiale di assoluto prestigio che si è svolto a shenzen, in Cina.

Tra i selezionatissimi invitati anche il nobel per la fisica del 2014 Shuji Nakamura.


Il professore, che afferisce al dipartimento di ingegneria elettrica ed elettronica, è stato invitato dal colosso della telefonia mobile Huawei, ha visitato il quartier generale e ha tenuto una talk su intelligenza artificiale e cyber security.

Biggio si è soffermato in particolare sui sistemi che riescono ad ingannare i dispositivi basati sull'intelligenza artificiale, nuova frontiera della cybersecurity che a Cagliari i ricercatori studiano da anni.


Ha, inoltre, illustrato le metodologie in grado di pilotare le assistenti vocali degli smartphone (Alexa o Siri) senza la volontà dell'utente, fino ad arrivare ai sistemi di riconoscimento dell'impronta e del volto, e alla costruzione di adesivi che - se applicati ai segnali stradali - ne evitano il corretto riconoscimento da parte dei veicoli a guida automatica.
 

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it