Scienza e Tecnologia

Terza edizione della Global Game Jam Cagliari, dal 25 al 27 gennaio

Un solo weekend per creare un videogioco da soli o in gruppo.



L'evento si terrà al Lazzaretto di Cagliari a partire dal primo pomeriggio di venerdì 25 gennaio.

La Global Game Jam ai nastri di partenza. Da venerdì 25 a domenica 27 anche a Cagliari torna la più grande maratona mondiale sulla creazione di videogiochi. Una competizione amichevole dedicata allo sviluppo di (video)giochi che si tiene ogni anno in contemporanea in 16 città italiane e in 844 città di tutto il mondo che sfida i partecipanti a sviluppare da zero un videogioco in sole 48 ore.


Organizzata anche quest'anno dall'associazione Fabbricastorie, la GGJ2019 si propone di confermare i traguardi raggiunti nelle scorse edizioni che, come numero di partecipanti e di giochi realizzati, hanno posizionato Cagliari subito dietro le grandi città italiane (però con l'indubbio vantaggio di essere sedi dei Politecnici) e anche blasonate città estere. "Cagliari conferma avere una forte vocazione legata all'ICT – spiega Roberto Sedda, presidente dei Fabbricastorie – perchè la sessione locale vede molti più iscritti di quanti la densità di popolazione suggerirebbe"

L'appuntamento per i jammers è fissato dalle ore 17 di venerdì 25 gennaio presso il Lazzaretto di Cagliari per iniziare il tour-de-force per la realizzazione di un videogioco partendo da un tema uguale per tutto il mondo. Il tema sarà comunicato dall'organizzazione californiana appena prima dell'inizio della competizione.

Tutti possono partecipare, basta aver compiuto i 18 anni ed essere mossi dalla passione per i giochi, anche se non si è esperti nella grafica o nella programmazione. Lo scopo principale della Global Game Jam è quello di riunire autori, grafici, animatori, musicisti, game designer, ma anche semplici appassionati e farli competere, in maniera amichevole, nello sviluppo di videogiochi e giochi da tavolo. Tutto nell'arco di due giorni: alle 17 di domenica 27 gennaio lo stop e la presentazione dei giochi realizzati.

"Non bisogna inoltre dimenticare – precisa Roberto Sedda - che la Jam crea rapporti di collaborazione che si prolungano durante l'anno, perché nella comunità ci si continua a confrontare sui vari progetti o si formano veri e propri gruppi di lavoro per sviluppare il prototipo creato durante la manifestazione"

I numeri della GGJ Cagliari. 10 i giochi pubblicati sia nell'edizione del 2017 (tema "Le Onde") che nel 2018 (tema "La Trasmissione") dai gruppi di jammers cagliaritani. 41 partecipanti nella prima edizione e 65 partecipanti nel 2018. "Quest'anno puntiamo a crescere ancora – conclude Roberto Sedda - ma soprattutto a consolidare i progressi già ottenuti nei primi due anni, soprattutto nella qualità dei giochi che verranno prodotti. La comunità di creatori di giochi sta crescendo, molti prendono coscienza che finalmente questo settore può fornire opportunità di carriera. Quest'anno abbiamo una forte presenza di iscritti che provengono da scuole di formazione specializzate nella realizzazione di videogiochi."

Per partecipare occorre iscriversi su EventBrite.

L'ultima fatica dei Fabbricastorie è la manifestazione PlayRooms, tenutasi a Cagliari nel mese di settembre 2018 e dedicata al gioco immersivo e al rapporto fra gioco e teatralità.

Ultimo aggiornamento: