Spettacolo e Cultura

De Andrè figlio canta De Andrè padre. Concerto-successo al Parco dei Suoni

Nella suggestiva cornice di Riola Sardo in duemila applaudono il cantautore ligure figlio dell'indimenticabile Fabrizio. A contorno delle canzoni una luna piena che lascia tutti senza fiato.



RIOLA SARDO (OR) - Al Parco dei Suoni De André canta De André. Un concerto "in crescendo", visto che soprattutto nel finale Cristiano De Andrè ha proposto pezzi, molti dei quali improvvisati, riuscendo a trascinare il pubblico - oltre 2mila persone - che si è messo a danzare al ritmo della musica eseguita in modo magistrale, da una band molto affiatata, che segue Cristiano De Andrè da ormai dieci anni, come gli inseparabili Davide Devita alla batteria e Osvaldo di Dio alla chitarra. Applausi anche per i due provenienti da altre formazioni, come il bassista Davide Pezzin, che ha suonato con Ligabue e il tastierista Max Marcolini, che è anche il curatore degli arrangiamenti dei pezzi in scaletta e fa parte della band di Zucchero.

Diverse le canzoni eseguite che fanno parte dei due Volumi di “De André canta De André” del 2009 e del 2010, tra cui La Guerra di Piero, Una storia sbagliata, scritta in memoria di Pier Paolo Pasolini, Canzone per l’estate e Il bombarolo. E ancora, ‘A cimma, Don Raffaè, Khorakhané (A forza di essere vento), Quello che non ho, Fiume Sand Creek, A dumenega, Amore che vieni, amore che vai, La collina e altre. Accattivante la scenografia di Violetta Carpino, che è riuscita a creare un'unione perfetta con l’affascinante scenario del Parco dei Suoni e la stupenda luna piena che splendeva in una magica notte stellata post ferragostana. “De André canta De André, è un progetto che mi ha permesso e mi permette di portare avanti l’eredità artistica di mio padre", scrive nella sua autobiografia Cristiano De André, "caratterizzandola però con nuovi arrangiamenti che possano esprimere la mia personalità musicale e allo stesso tempo donino un nuovo vestito alle opere, una mia impronta. Mi auguro che così facendo la poesia di mio padre possa arrivare a toccare le anime più giovani, a coinvolgere anche chi non ascolta la canzone prettamente d’autore”. E, in seguito alle numerose insistenze del pubblico, De Andrè, dopo essere sceso dal palco a concerto finito, è tornato a far vibrare voce e note per un bis in piena regola.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it