Spettacolo e Cultura

In alto mare, l'autismo raccontato in un docufilm

L'autismo, raccontato con gli occhi di chi lo vive quotidianamente, attraverso la lente di ingrandimento di un viaggio. Questo il tema toccato da 'in alto mare', lavoro firmato da Gabriele Meloni e Marco Spanu.



CAGLIARI - Il film-documentario, che racconta l'esperienza di quattro famiglie con i rispettivi figli con autismo - Marco, Federico, Angelica e Danilo - a bordo di una nave da crociera, nasce dalla collaborazione di tre associazioni che operano in Sardegna: Diversamente Onlus, costituita da familiari di persone affette da autismo, Inmediazione, che si occupa di cinema e teatro nel sociale, e Marraiafura, che si occupa di partecipazione e sostenibilità.

Obiettivo del progetto la diffusione di una maggiore consapevolezza sull'autismo attraverso il coinvolgimento delle associazioni europee di settore in un tour di proiezioni. Quella di Oristano, stasera, è infatti solo la prima delle 14 in programma nei prossimi mesi tra lItalia e il resto d'Europa, 6 delle quali già fissate: il 26 novembre sarà la volta di Torino mentre il 2 dicembre si tornerà sull'isola con Sassari, il 9 dicembre con Cagliari, il 14 dicembre con Mogoro per poi volare a Barcellona il 17 dicembre.

La troupe, composta da Gabriele Meloni (regista, operatore di camera, montatore), Marco Spanu (regista, fonico), Micaela Cauterucci (operatore di camera) e Giorgio Marturana (fotografo di scena) ha infatti seguito giorno per giorno la vita delle famiglie a bordo della nave per testimoniare come sia possibile affrontare con chi soffre di questo disturbo anche esperienze apparentemente complesse come una crociera, mettendo in luce quasi come un "grande fratello" i tanti momenti di fragilità ma anche di profonda intimità che queste famiglie vivono quotidianamente.

"Realizzare questo documentario è stato molto impegnativo, sia dal punto di vista operativo che emotivo - racconta Gabriele Meloni, uno dei due registi - come sappiamo i finanziamenti nel nostro settore non sono tantissimi e la campagna di crowdfunding non ha purtroppo raggiunto l'obiettivo sperato, ma grazie al contributo della Fondazione di Sardegna è stato possibile ultimare le fasi di post-produzione e successiva distribuzione di questo documentario, un'esperienza unica che ci ha toccati nel profondo. Solo chi ha l'opportunità di vivere a stretto contatto con chi soffre di questo disturbo può comprendere la forza di queste famiglie e l'amore che le tiene unite".

La realizzazione del film è stata finanziata in parte anche dall'associazione Diversamente Onlus, di cui fanno parte tutti i protagonisti e in parte dai 100 sostenitori che hanno aderito alla campagna di crowdfunding condotta lo scorso anno sulla piattaforma indiegogo.

Foto.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it