Spettacolo e Cultura

La Sardegna si tira a lucido all'Unesco di Parigi. Cultura, tradizioni e sapori protagonisti

Un percorso costruito sulle suggestioni di musica e paesaggi per far conoscere l'Isola nel tempio mondiale della cultura. Giovedý 24 novembre un ricchissimo parterre di ospiti, a condurre le danze Caterina Murino.



CAGLIARI - Un percorso costruito sulle suggestioni della musica, delle tradizioni e dei paesaggi per far conoscere la Sardegna e il suo capoluogo nel tempio della cultura nel mondo: la sede Unesco di Parigi. Giovedì 24 novembre nella principale sede dell'Organizzazione mondiale per l'educazione, la scienza e la cultura, l'Accademia internazionale di musica di Cagliari presenta "Cagliari, la Sardaigne: une ile de la Méditerranée", appuntamento imperdibile per la promozione dell'isola, che avrà come presentatrice l'attrice sarda Caterina Murino. Organizzato in collaborazione con il Comune di Cagliari, che sarà rappresentato dall'assessore comunale al Turismo del Comune di Cagliari, Marzia Cillocu, quest'anno l'evento ha per filo conduttore "La musica e i percorsi identitari delle tradizioni e del cibo". Forte del successo della XVI edizione, svoltasi a fine estate, l'Accademia internazionale di musica di Cagliari, nata da un'idea dei fratelli Gianluca e Cristian Marcia, presenterà le sue attività, ma anche le ultime composizioni di Cristian Marcia (chitarrista oltre che direttore artistico dell'Accademia), frutto di una lunga ricerca nella tradizione musicale sarda e nel jazz. Ancora: la candidatura di Sant'Efisio a patrimonio immateriale dell'umanità sarà ulteriormente rafforzata attraverso una sezione (organizzata in collaborazione con l'Institut Catholique de Paris e l'Ambasciata della Città del Vaticano all'Unesco) interamente dedicata al cammino in onore del santo come pellegrinaggio che ha saputo unire un intero popolo. La Sardegna è in vetrina anche grazie alle sue eccellenze enogastronomiche, protagoniste di un evento di promozione costruito dallo chef Gabriele Piga partendo dalla dieta mediterranea che, nel 2010, l'Unesco ha riconosciuto Patrimonio culturale immateriale dell'umanità.

L'evento chiude il ciclo di attività per il 2016 dell'Accademia internazionale di musica, dal 2008 partner dell'Unesco in virtù della sua capacità di dare anche ai giovani musicisti sardi, penalizzati per via dell'insularità della Sardegna, la possibilità di perfezionarsi e misurarsi con i grandi maestri e altri giovani musicisti da tutto il mondo che ogni anno, a fine estate, si riversano sul capoluogo sardo per le masterclass di alto perfezionamento. Hanno già annunciato di voler essere presenti all'appuntamento importanti personalità mondiali della cultura e dello spettacolo: dall'attrice Claudia Cardinale, che anche quest'anno sarà madrina della manifestazione, al direttore generale dell'Istituto del mondo arabo, uno tra i musei più moderni e controversi della storia, a numerosi ambasciatori all'Unesco di paesi come la Germania, il Giappone o la Corea.

La serata si apre con la conferenza internazionale, presentata da Marzia Cilloccu, dal titolo "Il pellegrinaggio attraverso le tradizioni, i paesaggi, popoli e religioni: il caso del cammino di Sant'Efisio", organizzata in collaborazione con l'Institut Catholique de Paris ICP, e Francesco Follo, ambasciatore della Città del Vaticano all'UNESCO. L'incontro vedrà come relatori Luc Forestier, direttore dell'Istituto Superiore delle Scienze Religiose dell'Institut CatL'holique de Paris, Barbara Terenzi, antropologa delle religioni, Corinne Valasik, sociologa dell'Institut Catholique de Paris, Joëlle Rostkowski, sociologa dell'Ecole des Hautes etudies di Parigi. L'evento propone anche una presentazione del capoluogo sardo e della Sardegna, prima di lasciare spazio al concerto finale che vede sul palco i solisti dell'Accademia internazionale di musica di Cagliari: da Cristian Marcia che tra gli altri brani eseguirà anche, in prima assoluta, le sue ultime composizioni dal titolo "Sonata mediterranea", frutto di un lavoro di ricerca nella tradizione musicale sarda, e "Sonata jazz", basata sulla tecnica della composizione musicale, alla stella pianoforte Vanessa Benelli Mosel, artista in continua ascesa, appena reduce dal grande successo al Teatro della Scala di Milano e da una tournée in Cina. Da David Braslawsky, pianista che con diverse formazioni ha suonato nelle più importanti sale da concerto di New York, Tokyo, Roma, Atene, Madrid, al clarinettista Alexander Banteau, passando per un'altra pianista di spessore come Lucie Moulis sino al giovane talento del violoncello Jérémy Garbarg.

Al concerto, che vede risuonare anche le note di compositori come P. I. Tchaikovsky, S. Rahmaninov, L. Boccherini o M. Arnold, segue, nella splendida cornice del ristorante dell'Unesco, "L'arte diventa il cibo dell'anima. Viaggio nei sapori della Sardegna". Si tratta di un percorso enogastronomico curato da Gabriele Piga, chef sardo tra i più rinomati a livello internazionale, in cui i piatti e gli ingredienti della tradizione locale vengono ripercorsi come elementi di benessere e longevità a cui anche i più recenti studi sulla dieta mediterranea fanno riferimento.

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it