Spettacolo e Cultura

Dalla moda dei gelati a 40 anni in otto canzoni. "2017", nuovo album per Herbert Stencil

Per il bis musicale, l'artista psycho-beat propone un cd totalmente autobiografico. Tra tastiere, sinth e sequenze elettroniche, quattro decenni "molto personali" in musica.



CAGLIARI - Esce il 17 febbraio 2017, dopo l’esordio de I Gelati alla Moda (2015), il secondo album dell’artista sardo Herbert Stencil, prodotto dalla label indipendente Le Officine. "2017" è un concept album di 32 minuti composto di otto tracce inedite. Si tratta di un lavoro totalmente autobiografico che si propone fin da subito frenetico nel cambio di registro all’interno delle canzoni, in linea con il cambio di umore dell’autore, e sempre con il carattere irriverente e l’energia fuori dalle righe che contraddistinguono il cantautore sassarese. Il disco è caratterizzato da un uso massiccio di tastiere, sintetizzatori e sequenze elettroniche che accompagnano il protagonista dal 1977 - suo anno di nascita e traccia di apertura, in cui Stencil si trova ancora all’interno della pancia della madre - al 2017 - anno attuale e traccia di chiusura - attraverso gli eventi che più hanno colpito e più hanno segnato la sua esistenza: dall’infanzia ("Come i robot che giocano a ping pong" e "Cervello elettronico", rispettivamente seconda e terza traccia del disco), in cui ancora si scopre il mondo vicino, a quelli più vicini ("Spiagge velenose", quinta traccia, e "La primavera", sesta traccia), dove, con l’occhio disilluso dell’impiegato, ci si trova a descrivere il mondo da un punto di vista intrappolato negli ingranaggi statici del lavoro.

Registrato nel corso di più di un anno da Giuseppe Aledda (curatore di missaggio e master) nell’ottocentesco Palazzo Siotto di Cagliari, "2017" è un album che anche da un punto di vista tecnico ha seguito totalmente la dilatata gestazione artistica. Le anime rabbiose, disilluse, romantiche e schizofreniche che si susseguono nelle diverse canzoni, anime in apparenza contrastanti, confluiscono nel lavoro di Herbert Stencil in un risultato all’interno del quale le influenze culturali dell’artista non si fermano ai quarant’anni appena passati, ma arrivano al movimento futurista. La copertina (realizzata da Luisa Gulli) è infatti un voluto omaggio alle grafiche e ai font tipici di quegli anni, così come lo è la visione sociale dei giorni nostri che si rivela dietro la citazione della celebre opera di Umberto Boccioni, "Forme uniche della continuità nello spazio", titolo della settima traccia del disco e secondo singolo in uscita, con un videoclip animato curato dalla giovane scenografa di Brera Alessandra Frau.

La produzione, coordinata da Francesco Accardo, vede il totale coinvolgimento dell’associazione "Le Officine" e della fondazione di ricerca "Giuseppe Siotto". 

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it