Spettacolo e Cultura

Jazz e spettacoli, ecco Seui in Musica

Dal 21 al 23 luglio ritorna l'appuntamento con Seui in musica. Un lungo fine settimana tra jazz, mostre, spettacoli e percorsi alla riscoperta dell'importante centro barbaricino



Un lungo fine settimana fatto di jazz, ma anche di mostre, convegni, teatro, visite alla scoperta del territorio e lezioni di propedeutica musicale per i più piccoli. Dal 21 al 23 luglio ritorna Seui in musica, appuntamento giunto alla quarta edizione, pensato per animare il più importante centro della Barbagia di Seulo.

Organizzata dall'associazione culturale Kromatica, in collaborazione con il Conservatorio di Cagliari "Giovanni Pierluigi da Palestrina", la manifestazione ha per direttori artistici due studenti seuesi dell'istituzione musicale cagliaritana: Luigi Murgia e Fabrizio Mura. Che per l'occasione hanno pensato a un programma in cui il jazz si apre alle contaminazioni e alle collaborazioni e in cui figurano diversi nomi di sicuro richiamo: dal sassofonista Gavino Murgia, che la sera del 22 luglio si esibirà in duo con Luciano Biondini, al pianista Paolo Carrus, di scena il 23 luglio con il Manuela Mameli 4et, sino ad Alessandro Diliberto e Peter Waters, altri apprezzati pianisti attesi il 22 e 23, passando per Fabio Furìa, bandoneonista considerato tra i più interessanti del panorama europeo, la cui esibizione è attesa per il 21 luglio. Per la prima volta Seui in musica ospita anche il teatro con lo spettacolo, domenica 23 luglio, "Il mio nome è Django", ispirato alla vita del chitarrista Django Reinhardt.

In tutto saranno una quindicina le formazioni che da mattina a sera si esibiranno nella suggestiva piazza San Giovanni, nel centro storico di Seui, in una no-stop musicale che sarà presentata dal noto esperto di jazz Stefano Fratta. Formazioni composte  anche da giovani studenti e docenti del Conservatorio  che proporanno al pubblico i loro progetti originali.

Accanto alla musica, la manifestazione propone anche un ricco cartellone di iniziative collaterali: dalle due mostre "I protagonisti del jazz", che vedrà esposte le fotografie di Giulio Capobianco, e "Il jazz secondo Paolo Piga" che proporrà una carrellata di scatti realizzati da Paolo Piga, al convegno "I colori del jazz", curato da Alessandro Diliberto, sino al trekking urbano, una camminata alla scoperta degli angoli più suggestivi del paese.

Venerdì 21 luglio a inaugurare l'edizione 2017 di Seui in musica sarà, alle 18, il Sofia Trio, formazione composta da Luca Deriu, Mario Meloni e Fabrizio Fogagnolo. Alle 19,30 si prosegue con i Nanay Cucas (Andrea Schirru, Carlo Depau e Marco Caredda) mentre alle 21.30 è la volta dei Just for the Curious, formazione composta da Giovanni Mameli, Andrea Parodo, Matteo Sedda e Nicola Vacca.

Alle 22,30 arriva l'attesa esibizione di Fabio Furìa, per l'occasione in duo con Walter Agus, mentre a chiudere la serata sarà (a mezzanotte) l'Hammond Trio, composto da Andrea Schirru, Giovanni Mameli e Andrea Murtas.

La giornata di sabato si apre alle 11 nella Palazzina Liberty, all'interno del percorso museale seuiense, con l'inaugurazione della mostra fotografica di Giulio Capobianco. Alle 12 l'appuntamento è all'M cafè, nella piazza principale di Seui, per l'Aperimusic: aperitivo con la piacevole compagnia della musica suonata da Martina Garau e Gianluca Tozzi. Nel pomeriggio si riprende con uno spazio dedicato alla riflessione nel convegno, curato da Alessandro Diliberto, "I colori del jazz". Alle 18 si ricomincia a suonare: sale sul palco l'Har Up Trio (Andrea Morelli, Maso Spano, Alessandro Garau), seguito alle 19 dai Trioxide (Thomas Sanna, Edoardo Raimondo Meledina, Pietro Frongia). Ancora musica per l'aperitivo delle 20, questa volta al Biondo bar: il momento sarà accompagnato dalle note suonate da Michela Saba e Luca Cocco. Alle 21,30 i riflettori sono tutti per il sassofonista nuorese Gavino Murgia, in duo in questa serata con il fisarmonicista Luciano Biondini. Alle 22.30 arriva un altro degli appuntamenti più attesi: il concerto dell'Alessandro Diliberto trio (insieme al pianista cagliaritano ci saranno il contrabbassista algherese Nicola Muresu e il batterista torinese Enzo Zirilli).

La chiusura si serata è affidata ancora una volta a una giovane band: a mezzanotte si esibisce l'Ozone Park,formata da Davide Buzzo, Giuseppe Chironi, Gianluca Cossu e Alessandro Masala.

Domenica ancora una volta la giornata si apre alle 11 nella Palazzina Liberty con l'apertura della mostra "Il jazz secondo Paolo Piga", appuntamento seguito, alle 12 all'M Café, dall'esibizione del duo formato da Michela Saba e Luca Cocco.

Alle 17 al Centro Polivalente "Is minadoris" arriva uno dei massimi esperti in Sardegna di musica, e in particolare di jazz: Claudio Loi inconterà il pubblico per parlare di "10 anni di Jazz in Sardegna".

Tributo ai Beatles nell'appuntamento delle 18 dal titolo, non casuale, di "Magical mistery tour": saranno sul palco Peter Waters insieme a Matteo Sedda, Alessandro Atzori e Ignazio Sechi. Alle 19  si prosegue con l'ensemble Manuela Mameli 4et: sul palco oltre alla Mameli, anche Paolo Carrus, Matteo Marongiu e Alessandro Garau.

Al tramonto aperitivo al Biondo Bar con la musica di Martina Garau e Gianluca Tozzi e poi di nuovo tutti in piazza San Giovanni per ascoltare l'Angiolini 4et: sul palco ci saranno Alessandro e Andrea AngioliniMatteo Marongiu Roberto Migoni.

Alle 22.30 il sipario sulla quarta edizione di Seui in musicasi  chiude con "Il mio nome è Django", un intenso spettacolo teatrale a cura di Paolo Putzu e Roberta Bochetta, accompagnato dalle musiche dei Mambo Django e dalla coreografia della ballerina Donatella Martina Cabras.

Durante la tre giorni di musica  sarà possibile andare alla scoperta dei luoghi più suggestivi del paese grazie alle visite guidate che permetteranno di ammirare, tra l'altro, la Palazzina in stile liberty, la Casa Farci, il Carcere spagnolo e la Galleria Civica. E' in programma anche un trekking urbano. Per i più piccoli ci sarà la possibilità di partecipare ai corsi di propedeutica musicale tenuti da Ambra Beretta.

«Questa collaborazione che ci vede ancora una volta protagonisti, pone in evidenza quanto l'imprenditorialità e la capacità performativa dei nostri studenti e dei nostri docenti debba essere ancor più supportata e valorizzata- afferma la direttrice del Conservatorio, Elisabetta Porrà- Sono fiera di dirigere questa istituzione che ha al suo interno tanta competenza e idee».

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it