Spettacolo e Cultura

Le "Passeggiate nella bellezza" al Parco Aymerich di Laconi

Domenica 13 maggio, dalle 10 apertura del Parco tra visite guidate gratuite, laboratori, seminari e musica dal vivo.



Si terrà al Parco Aymerich, a Laconi, questo fine settimana, il quarto appuntamento con le "Passeggiate nella bellezza – sette giardini per sette week end" all'interno dei "Giardini storici di Sardegna". Sabato 12 maggio, giornata riservata alle attività degli operatori del progetto internazionale "Primavera accessibile 2018 - ITACA (Itinerari Turistici Accessibili e Aperti)", che saranno impegnati alle 10 nella visita ragionata del parco e alle 14,30 in due laboratori di confronto su: "Accessibilità per le disabilità mentali" e "Accessibilità operatori turistico-economici".  


Domenica 13 maggio dalle 10 alle 13 visite guidate gratuite del Parco. Alle 10 a palazzo Aymerich, il seminario curato dal direttore dell'Orto Botanico di Cagliari, Gianluigi Bacchetta, su: "Il Parco e il Giardino Aymerich: lo scrigno delle biodiversità di Laconi" con gli interventi di amministratori regionali e locali. Alle 11 Animazione per bambini e dalle 15 alle 17 visite guidate gratuite del Parco e alle 17 a conclusione della manifestazione, musica dal vivo.


"Far parte di un importante network come Giardini Storici di Sardegna – sottolinea il sindaco di Laconi, Anna Paola Zaccheddu - significa rendere accessibile e valorizzare, attraverso la sua fruizione e promozione, uno dei più importanti attrattori turistici di Laconi, che è anche il parco urbano più grande in Sardegna con i suoi 22 ettari, progettato e costruito dal Marchese Ignazio Aymerich nel 1800, che si può considerare a tutti gli effetti sia un museo, riserva naturale e culturale, e sia un importantissimo scrigno di biodiversità naturali".


All'interno del Giardino Aymerich si può ammirare il gigantesco cedro dell'Himalaya, il faggio Pendulo, la Collectia cruciata (una pianta rara con le foglie che richiamano nella forma tanti piccoli aerei da caccia), la Magnolia grandiflora, la Thuia orientalis e il Taxus baccata, conosciuto come l'Albero della morte. All'interno del Parco tra le innumerevoli specie botaniche non passano inosservati il maestoso cedro del Libano e il pino di Corsica.


Il Parco si estende su una superficie di quasi 22 ettari e può essere suddiviso in due parti. La prima storica, nella quale insistono le architetture del castello e dove è possibile osservare le tracce di un impianto boschivo già notevole in passato. La seconda corrispondeva all'area ricreativa, le cui peculiarità sono di natura ambientale: una ricca rete di sentieri attraversa il bosco di lecci, incontra spesso sorgenti e laghetti e consente di ammirare angoli alquanto suggestivi che nel tempo hanno reso famosa quest'oasi verde. Proprio l'acqua è tra le maggiori attrazioni del Parco. Abbondante in tutte le stagioni, crea atmosfere di incredibile fascino e spettacoli insoliti per una regione come la Sardegna, endemicamente arida, con la splendida cascata maggiore.


Di estremo interesse è inoltre la collezione di piante esotiche e di pregio che si estende su un'area cospicua del parco, opera del marchese Don Ignazio Aymerich che curò l'impianto durante la prima metà dell'800.


Dal luglio del 1990 il Parco di Laconi è di proprietà della Regione Autonoma della Sardegna che l'ha acquistato dalla famiglia Aymerich.
La rete dei sette "Giardini storici di Sardegna" è stata formalizzata nell'ottobre dello scorso anno a Santu Lussurgiu, comune capofila del progetto e ha permesso di creare un percorso botanico, che attraversa la Sardegna da nord a sud, con la prospettiva di entrare a far parte del grande circuito del turismo verde nazionale, in crescita costante con oltre 8 milioni e mezzo di visitatori all'anno, in modo da destagionalizzare l'offerta turistica regionale. Dopo Milis, Cagliari, Sassari e Laconi, le "Passeggiate nella bellezza" proseguiranno sino al prossimo giugno, con le visite nei giardini di Bolotana (26-27 maggio), La Maddalena-Caprera (9-10 giugno) e Santu Lussurgiu (23-24 giugno).


Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it