Sport

La Sardegna del surf sogna le olimpiadi di Tokyo 2020

Gli atleti sardi Piu, Calatri e Caruso convocati dalla Federazione per la preparazione in previsione dei giochi.



CAGLIARI – È ancora un sogno, ma con delle solide fondamenta: alle prossime olimpiadi di Tokyo, previste per il 2020, potrebbero partecipare anche alcuni surfisti della Sardegna. Sono stati infatti convocati dalla Fisurf (Federazione italiana surf da onda) per il primo raduno di preparazione olimpica i tre atleti cagliaritani Alessandro Piu, Giulio Caruso e Matteo Calatri, unici tre sardi a essere chiamati nella squadra azzurra.

Nel 2016 il surf è stato riconosciuto come sport olimpico e debutterà ai prossimi Giochi in programma nella capitale giapponese fra tre anni. La Fisurf, in vista dell’importante impegno, ha così diramato le convocazioni per il primo dei quattro raduni del Programma di preparazione olimpica del 2017, e tra queste compaiono anche i tre fuoriclasse cagliaritani della tavola: Alessandro Piu (classe 1989, campione italiano in carica), Giulio Caruso (classe 2001, terzo classificato ai campionati italiani Under 16) e Matteo Calatri (classe 2002, secondo classificato ai campionati italiani Under 14).

I tre ragazzi fanno parte dell’associazione sportiva Wipeout BoardClub e si allenano generalmente nelle spiagge intorno a Cagliari, ma viaggiano spesso in oceano per confrontarsi con onde più grandi e soprattutto per partecipare alle manifestazioni internazionali, ultima delle quali – il contest spagnolo La Vaca XXL, dedicato alle onde giganti – che ha visto protagonista Alessandro Piu, arrivato terzo. “Siamo molto orgogliosi dei nostri ragazzi – ha raccontato il presidente dell’associazione Gianluca Lai – conosciamo questi tre atleti da sempre, li abbiamo visti crescere sulle onde e sappiamo quanto impegno mettono ogni giorno per migliorare la loro tecnica sulla tavola e la loro preparazione fisica”.

Il raduno si svolgerà a Viareggio dal 26 febbraio al primo marzo e sarà diretto dal coach e allenatore capo della nazionale Alessandro Dini insieme al commissario tecnico Andrea Bonfili, ai quali si affiancherà un nome d’eccezione nel panorama internazionale quale l’australiano Jamo Borthwick, secondo l’Isa (International surfing association) il migliore allenatore al mondo. 

“Vedo l'inserimento del surf alle Olimpiadi positivamente – ha detto Alessandro Piu, che parteciperà anche ai mondiali di categoria a Biarritz (Francia), a maggio – il nostro è un mondo dove alla base c’è passione, impegno, intesa con le onde, fratellanza e rispetto per la natura. Penso che questa novità nel nostro settore porterà tante sorprese e darà al pubblico un'immagine del surf seria. Io farò come ho sempre fatto sino ad ora, mi impegnerò per dare il massimo e rappresenterò fieramente la mia isola e la mia nazione in ogni avventura che affronterò”.

“Sono contento di poter far parte della nazionale italiana di surf e di poter collaborare con i miei compagni di squadra. Per me sarà una grande opportunità per viaggiare, allenarmi, progredire e scambiare esperienze con altre culture e nuovi amici”, ha commentato invece Giulio Caruso.

“Questa convocazione è un primo passo per continuare a migliorare – ha detto Matteo Calatri – e ripaga questi ultimi mesi di allenamento. Sono molto felice di avere al mio fianco in questa avventura il mio amico Giulio e anche Alessandro Piu che con la sua esperienza sta contribuendo in modo deciso alla crescita del nostro sport”.  

Ultimo aggiornamento:
Altre notizie
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it