economia
21-03-2018 13:50

Svizzera: Credit Suisse, in 2019 su tassi ma pochi rischi per economia



Roma, 21 mar. (AdnKronos/ats) - Per la prima volta dal 2007, fra un anno, nel marzo 2019, la Banca nazionale svizzera aumenterà i tassi di interesse ma ampie parti dell'economia elvetica reggeranno questi rialzo, ad eccezione del mercato immobiliare. E' questa la previsione del Credit Suisse, i cui analisti, in vista di questa svolta, hanno esaminato le ripercussioni di una simile mossa sull'economia del Paese giungendo alla conclusione che un ritocco moderato non frenerà l'economia complessiva.

L'aumento dei tassi potrebbe comportare turbolenze per il mercato immobiliare, ma grazie alle misure precauzionali adottate dalle autorità e dalle banche anche in tal caso il rischio per l'economia nel suo insieme sarebbe limitato, e ciò nonostante l'indebitamento privato si situi a un livello record nel confronto internazionale. Stando allo studio trimestrale "Monitor Svizzera", pubblicato oggi e dedicato stavolta appunto alle conseguenze di un aumento dei tassi d'interesse, tale peso può essere ben retto dalle economie domestiche, considerando che la quota di reddito che esse devono utilizzare per pagare gli interessi non è mai stata così bassa, in quanto i tassi ipotecari sono scesi ai minimi storici.

Se i tassi ipotecari medi fossero attualmente ai livelli del 2007 (3,3%), alle economie domestiche che possiedono un'abitazione il servizio del debito costerebbe il doppio rispetto a oggi. Se il livello dei tassi d'interesse fosse quello dei periodi di picco degli anni Novanta (7,8%), il servizio del debito sarebbe perfino cinque volte più costoso, hanno calcolato gli economisti del Credit Suisse.

Ultimo aggiornamento: 21-03-2018 13:50
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it