cronaca
20-04-2018 19:05

Mafia: processo trattativa, il dispositivo di sentenza



Palermo, 20 apr. (AdnKronos) - Un dispositivo di sentenza lungo quattro pagine lette in poco più di sette minuti. Eccola, la decisione letta in aula dal Presidente della Corte d'assise di Palermo Alfredo Montalto (al latere Stefania Brambille), al termine di una camera di consiglio durata quattro giorni. "In nome del popolo italiano: La Corte d'assise di Palermo, all'udienza del giorno 20 aprile 2018, ha pronunciato e pubblicato mediante lettura del dispositivo la seguente sentenza. Visti gli articoli 533, 535 C.P,P. dichiara Leoluca Bagarella e Antonino Cinà colpevoli del reato loro ascritto al capo A della rubrica; Giuseppe De Donno, Mario Mori e Antonio Subranni colpevoli del reato loro ascritto al capo A della rubrica, esclusa la circostanza aggravante di cui all'art. 61 n 2 c.p., limitatamente alle condotte contestate come commesse sino al 1993; Marcello Dell'Utri colpevole del reato ascrittogli al capo A della rubrica, limitatamente alle condotte contestate come commesse nei confronti del Governo presieduto da Silvio Berlusconi; Massimo Ciancimino colpevole del reato ascrittogli al capo E della rubrica. Condanna Leoluca Bagarella alla pena di 28 anni di reclusione; Cinà, Dell'Utri, Mori e Subranni ciascuno alla pena di 12 anni di reclusione; De Donno e Ciancimino ciascuno alla pena di 8 anni di reclusione; nonché tutti al pagamento delle spese processuali. Visti gli articoli 28, 29 e 32 C.P. dichiara: Bagarella, Cinà, De Donno, Dell'Utri, Mori, Subranni e Ciancimino interdetti in perpetuo dai publici uffici e in stato di interdizione legale durante la pena.

E ancora: Visti gli articoli 538 e segg. c.p.p. rigettata ogni diversa domanda, condanna Bagarella, Cinà, De Donno, Dell'Utri, Mori e Subranni, in solido tra loro, al risarcimento dei danni in favore della parte civile Presidenza del Consiglio dei ministri liquidati in complessivi 10 milioni euro, ed in favore delle altre parti civili: Presidenza della Regione siciliana, Comune di Palermo, "Centro studi Pio La Torre" e "Libera" nella misura da liquidarsi davanti al competente giudice civile; Bagarella, Cinà, De Donno, Mori e Subranni, in solido tra loro, al risarcimento dei danni, da liquidarsi davanti al competente giudice civile, in favore della parte civile "Associazione tra familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili"; Ciancimino al risarcimento dei danni, da liquidarsi davanti al competente giudice civile, in favore della parte civile Giovanni De Gennaro; Condanna altresì Bagarella, Cinà, De Donno, Dell'Utri, Mori e Subranni, in solido tra loro al pagamento delle spese processuali sostenute dalle seguenti parti civili: Presidenza del Consiglio dei ministri e presidenza della Regione siciliana in complessivi 17.437 euro, di cui 2.274 euro per spese; Comune di Palermo in complessivi 14.531 euro di cui 1.895 euro per spese; Centro Studi "Pio La Torre" in complessivi 11.196 euro di cui 2.272 euro per spese; "Libera Associazione, nomi e numeri contro le mafie" in complessivi 19.448 euro di cui 2.536 euro per spese; nonché Bagarella, Cinà, De Donno, Mori e Subranni, in solido tra loro, al pagamento delle spese processuali sostenute dalla parte civile "Associazione tra familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili" liquidate in complessivi 18.413 euro, di cui 2.401 per spese; Ciancimino al pagamento delle spese processuali sostenute dalla parte civile Giovanni De Gennaro liquidate in complessivi euro 11.667 euro di cui 1.521 euro per spese.

Visto l'articolo 530 C.P.P. assolve Subranni, Mori e De Donno dal reato ascritto al capo A della rubrica per le condotte contestate come commesse successivamente al 1993 per non avere commesso il fatto; Dell'Utri dal reato ascritto al capo A della rubrica per le condotte contestate come commesse nei confronti dei Governi precedenti a quello presieduto da Silvio Berlusconi per non avere commesso il fatto; Mancino dal reato ascritto al capo C della rubrica perché il fatto non sussiste; Ciancimino dal reato ascritto al capo D della rubrica perché il fatto non sussiste. Dichiara non doversi procedere nei confronti di Brusca, concessa la circostanza attenuante speciale prevista, perché estinto il reato contestato per intervenuta prescrizione e nei confronti di Riina perché estinto il reato per morte del reo. Indica in 90 giorni il termine per il deposito della motivazione della presente sentenza". Indica in 90 giorni il termine per il deposito della motivazione della sentenza. Così decisi in Palermo il 20 aprile 2018.

Ultimo aggiornamento: 20-04-2018 19:05
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it