politica
24-08-2019 20:39

Zingaretti non tratta su Conte



Roma, 24 ago. (AdnKronos)(di Mara Montanari) - di Mara Montanari

A stretto giro non arriva alcun commento dal Nazareno alle parole di Giuseppe Conte a Biarritz. "Noi stiamo parlando con Di Maio". E al leader politico M5S, il segretario Pd ha ripetuto anche oggi che sul nome del premier uscente non c'è una questione personale, ma non risponde alla discontinuità necessaria per un governo di svolta. Ed anzi, tra i dem (in modo trasversale) c'è la convinzione Di Maio, ieri sera nel colloquio a casa Spadafora, abbia volutamente 'bruciato' il nome di Conte.

"Del resto -osserva una fonte dem- la concorrenza di Conte a Di Maio c'è tutta anche nelle dichiarazioni di stasera. Si prepara a fare il candidato premier M5S se tutto andasse a rotoli". Già. Se tutto dovesse andare a rotoli. Ma oggi, nonostante lo stallo tra Pd e M5S sul Conte bis, dal fronte dem non arrivano segnali pessimistici. La trattativa con i 5 Stelle, per quanto difficile e complicata, va avanti. E Matteo Renzi, subito dopo le dichiarazioni di Conte dalla Francia, via twitter interviene per spingere sull'accordo.

"Salvini ha chiesto pieni poteri, ma rispetto a 15 giorni fa adesso . Mi auguro che adesso prevalga la responsabilità. E che si pensi all'Italia, non all?interesse dei singoli". Un appello a Zingaretti perché accetti il Conte bis? Gli uomini vicini al segretario stoppano questa lettura. "E' un invito a tutti. Anche ai 5 Stelle. Una spinta all'accordo e a favore di un governo con i 5 Stelle". Nel caso avessero bisogno di rassicurazioni sulla 'tenuta' dell'ex-segretario nell'eventuale accordo.

"Far saltare tutto mi sembrerebbe irresponsabile e difficilmente spiegabile", dice un big dell'ala 'trattativista'. E per uscire dallo stallo la via maestra sarebbe quella di individuare un nome terzo. Perché l'ipotesi che Di Maio abbia 'bruciato' Conte per avanzare il suo nome per palazzo Chigi non viene considerata "percorribile".

Oggi intanto, lo stato maggiore dem, a partire dal segretario, ha ribadito la linea: discontinuità su Conte e piena disponibilità al confronto sul programma. E aggiunge Zingaretti: "Mi auguro che dopo tutto quello che è successo non esista l'ipotesi di un 'doppio forno'. Ho fiducia che non sia cosi', altrimenti sarebbe molto grave proprio dal punto di vista della trasparenza della politica".

Scrive Zingaretti su Fb. "Noi crediamo che sia importante aprire con tutte le nostre forze una nuova fase politica, è necessario dar vita a un governo di svolta, per il lavoro, per la crescita, che affronti la situazione politica con un nuovo modello per aprire una nuova stagione. Per questo abbiamo chiesto un governo in discontinuità con quello che ci ha visto tra gli oppositori. Per quanto riguarda i punti programmatici presentati, siamo disponibili e aperti ad ogni tipo di confronto. La sede nazionale del Pd è aperta e continueremo a lavorare per cercare di aprire una nuova stagione politica".

E il vicesegretario Andrea Orlando che ieri ha partecipato all'incontro con i capigruppi pentastellati, richiama i 5 Stelle alla serietà: "L?altro ieri c'erano i 10 punti tassativi. Ieri alle 14 il taglio dei parlamentari. Alle 21 Conte o morte (questione non posta alle 14). Così è molto complicato..... Un confronto serio, ordinato e senza furbizie è l?unica via per dare un governo al Paese".

E poi rispondendo ai follower via Twitter aggiunge: "Io penso che la nostra sia una posizione seria. Verificare le condizioni e se non ci sono, voto. Molto laicamente". Mentre su Conte osserva: "Ci sono cose percorribili e altre no. L?unica cosa che non si può fare è cambiare ogni 6 ore le carte in tavola". E poi c'è il renzianissimo capogruppo al Senato, Andrea Marcucci, che chiede di mettere da parte "veti e ultimatum": "Ieri con la delegazione del M5S abbiamo stabilito un percorso per arrivare ad un accordo di governo serio e responsabile. Il confronto va avanti esattamente nelle modalità stabilite. Siamo convinti che, senza ultimatum e senza veti, riusciremo a dare un governo al Paese?.

Intanto il Pd continua a muoversi nelle 'modalità stabilite' di cui si è discusso ieri con i capigruppo M5S. Ovvero rivedersi lunedì per stringere un accordo di programma. Quindi, come annunciato, domani i dem si riuniranno, ci saranno 6 tavoli tematici per definire, limare e concordare le proposte da portare al tavolo con i 5 Stelle lunedì. Sempre che ci si arrivi.

Ultimo aggiornamento: 24-08-2019 20:39
Rubriche
Click e Gusta
Da oggi a Cagliari la pizza si ordina così:
  1. inserisci l'indirizzo
  2. scegli la pizzeria (o il ristorante)
  3. decidi cosa mangiare
  4. attendi la consegna a domicilio
www.clickegusta.it