Ti siedi sulla sabbia in spiaggia? Forse non ti piacerà conoscere i pericoli, “Rischi gravi, non fatelo”

Un gesto semplice e romantico, sedersi sulla sabbia in estate. Ma attenzione, perché le spiagge nascondono non poche insidie

L’estate è finalmente arrivata e con essa la voglia di trascorrere giornate rilassanti al mare. Tra le molte attività che si possono fare in spiaggia, sedersi sulla sabbia, ascoltare il suono delle onde e godersi la brezza marina è una delle più semplici ma anche una delle più rigeneranti. Eppure, sappiate che questa abitudine nasconde anche delle insidie.

Problemi sedersi sulla sabbia
Sedersi sulla sabbia: un gesto semplice e romantico che nasconde delle insidie – (sardegnaoggi.it)

l suono delle onde e l’atmosfera tranquilla della spiaggia favoriscono il rilassamento. Il contatto con la natura – lo dice anche la scienza – fornisce un benessere psicofisico che altrimenti non riusciremmo ad avere. Stare a contatto con la sabbia e l’acqua, due elementi naturali, può migliorare il nostro stato d’animo e favorire un senso di pace e di serenità. Ma se vi dicessimo che esistono anche dei potenziali pericoli? Ecco cosa ci dice la scienza.

I pericoli del sedersi sulla sabbia, attenzione ai microrganismi: ecco come proteggersi

Può sembrare strano ammalarsi d’estate. Eppure, può succedere, soprattutto se in spiaggia ci si siede senza attenzione sulla sabbia. Un’infezione comune è l’impetigine, particolarmente diffusa tra i bambini sotto i 10 anni. Questa è una forma superficiale di piodermite causata da streptococchi e stafilococchi. L’infezione può manifestarsi con piccole macchie rosse e bollicine.

sedersi sulla sabbia, attenzione ai microrganismi: come proteggersi
Sedersi sulla sabbia nasconde alcune insidie – (sardegnaoggi.it)

Come dicevamo, la sabbia può infatti nascondere insidie invisibili come virus e batteri pericolosi. Spesso contaminata da microrganismi responsabili delle micosi cutanee, la sabbia può trasmettere infezioni anche attraverso sdraio, lettini, passerelle, docce e bordi piscina. I funghi si diffondono sia per contatto diretto che indiretto. Per prevenire il contagio, è importante asciugare bene la pelle, fare la doccia frequentemente, usare ciabatte, coprire le sedie con un telo personale, applicare creme idratanti e protettive e non condividere asciugamani o spazzole.

Le punture di insetti sono un altro problema estivo. Api, vespe e calabroni rappresentano una minaccia per tutti. Ma attenzione, perché gli insetti non ci minacciano solo in volo, perché possono nascondersi anche tra i granelli di sabbia. Insomma, godersi l’estate e le giornate al mare è possibile, ma è importante essere consapevoli dei potenziali rischi per la salute. Sedersi in riva al mare, guardando un tramonto, è certamente romantico. Ma bisogna usare sempre cautela, magari utilizzando un telo da mare e facendo subito la doccia una volta tornati a casa.

Gestione cookie