Bonus disoccupati con figli: attenzione è ricco ma riservato alle donne

Il Governo ha introdotto un altro importantissimo bonus per i disoccupati con figli: possono però richiederlo solo le donne.

Il 2024 è un anno ricchissimo di bonus e di incentivi statali, una fetta della popolazione italiana ha infatti la possibilità di sfruttare questi contributi per ottenere enormi risparmi. Il 3 giugno è ad esempio partito il famoso Ecobonus per le auto e per le moto, che molti italiani attendevano da tempo. Si tratta di incentivi statali appositamente studiati per aiutare le famiglie con un ISEE più basso e, al contempo, per incentivare l’acquisto di veicoli meno inquinanti.

bonus disoccupati donne
Bonus, ecco il nuovo contributo destinato alle mamme disoccupate – sardegnaoggi.it

Ora, c’è anche la possibilità di richiedere il bonus disoccupati con figli, che è però riservato esclusivamente alle donne. Una forma di sostegno che deve assolutamente essere presa in considerazione, poiché consente di risparmiare molti soldi.

Bonus disoccupati con figli, ecco quali sono i requisiti e quando presentare la richiesta

Tutte le mamme disoccupate che rientrano nei requisiti hanno finalmente la possibilità di richiedere l’attesissimo Assegno di maternità comunale, che è erogato dall’INPS. Cosa bisogna fare allora per ottenerlo? Innanzitutto, bisogna ricordare che quest’anno il bonus è aumentato rispetto all’anno scorso: con la rivalutazione del 5,4% l’importo è infatti salito fino a 404,17 euro al mese.

Per la precisione, le cinque mensilità versate corrispondono complessivamente a 2.020,85 euro. In secondo luogo, la richiesta dell’Assegno di maternità comunale deve essere presentata entro sei mesi dalla nascita del figlio, o dall’arrivo in famiglia del minore adottato o in affido. Il tutto va poi consegnato al proprio Comune di appartenenza.

Bonus disoccupati con figli, requisiti e quando presentare la richiesta
Come richiedere il bonus mamme disoccupate – sardegnaoggi.it

Questo utilissimo sussidio, concesso ai sensi dell’art. 74 della legge 26 marzo 2001, è inoltre destinato a tutti i cittadini che non hanno una copertura previdenziale, o a quelli che possiedono una copertura limitata ad un preciso importo. Si tratta quindi di una prestazione assistenziale offerta dai Comuni e versata dall’INPS, che è indirizzata esclusivamente alle neo mamme disoccupate e con difficoltà economiche.

Va inoltre sottolineato che è un sussidio diverso dal famoso Assegno statale di maternità, che in passato era concesso alle madri precarie. Quest’ultimo spettava infatti alle neo mamme che avevano dei lavori discontinui; l’assegno di maternità comunale può invece essere richiesto se si ha una residenza in Italia e un ISEE basso. Ad ogni modo, i requisiti per richiedere il bonus mamme disoccupate sono i seguenti:

  • avere un reddito inferiore ad una determinata soglia, la quale viene stabilita annualmente:
  • non possedere una copertura previdenziale (chi l’ha possiede deve comunque rientrare in un determinato importo fissato annualmente);
  • non bisogna percepire un altro assegno di maternità INPS;
  • per ottenere l’assegno intero occorre avere un reddito ISEE pari a 20.221,13 euro.
Gestione cookie