In Europa il consumo di alcool varia molto da un Paese all’altro

La tipologia di alcolico preferito in Europa e il suo consumo varia a seconda della zona geografica in cui ci si trova

Quando si parla di consumo di alcol, sembra che le nostre abitudini di vita siano notevolmente migliorate. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) avverte che “nessun livello di consumo di alcol è sicuro per la nostra salute”, ma nonostante ciò, la quantità di alcol che consumiamo rimane rilevante.

Il rischio di sviluppare il cancro aumenta notevolmente con l’aumento del consumo di alcol. Le autorità sanitarie consigliano di smettere di bere alcolici o almeno di ridurne l’assunzione.

In Europa il consumo di alcool varia molto da Paese a Paese

Alcune persone smettono di bere alcolici a gennaio, nel cosiddetto Drynuary. I dati indicano un calo del consumo di alcol in Europa, ma ha già mostrato segni di rallentamento a partire dagli anni 2000.

Come è cambiato il consumo di alcol in Europa negli ultimi decenni? Quali paesi hanno registrato i maggiori cali e aumenti nel consumo di alcol?

Il consumo complessivo di alcol si misura come vendite annuali di alcol puro in litri per persona di età pari o superiore a 15 anni. Le bevande alcoliche vengono convertite in alcol puro. I dati escludono il consumo di alcol non registrato, come la produzione domestica o illegale.

In Europa il consumo di alcool varia molto da un Paese all'altro: ecco cosa dicono gli ultimi dati
In Europa il consumo di alcool varia molto da un Paese all’altro: ecco cosa dicono gli ultimi dati Pexels @junjie xu – Sardegnaoggi.it

Nell’UE e nella regione europea dell’OMS, si osserva una graduale diminuzione del consumo di alcol. Il consumo complessivo di alcol per persona, di età pari o superiore a 15 anni è diminuito di 2,9 litri negli ultimi quattro decenni, passando da 12,7 litri nel 1980 a 9,8 litri nel 2020, segnando una riduzione del 23%.

Il consumo ha registrato un calo significativo tra il 1980 (12,7 litri) e il 2000 (10,5 litri). La diminuzione è rallentata nei due decenni successivi. Tra il 2010 e il 2020, nell’UE è diminuito di 0,5 litri.

Il consumo di alcol nella regione europea dell’OMS, che comprende 53 paesi inclusi Russia e nazioni circostanti, è diminuito da 12 litri nel 2000 a 9,5 litri nel 2020, una riduzione di 2,5 litri (21%).

Nonostante questo calo, la regione europea dell’OMS mantiene il più alto consumo pro capite di alcol a livello mondiale.

Ogni anno, ogni persona di età pari o superiore a 15 anni nella regione consuma in media 9,5 litri di alcol puro. Questo equivale a 190 litri di birra, 80 litri di vino o 24 litri di superalcolici.

Nel 2020, il consumo annuo di alcol variava da 1,2 litri in Turchia a 12,1 litri in Lettonia nei 36 paesi europei tra cui UE, Regno Unito, Associazione europea di libero scambio (EFTA) e paesi candidati all’UE.

In media, i cittadini dell’UE hanno consumato 9,8 litri di alcol. Tra le “Big Four” dell’UE per economia e popolazione, la Germania ha registrato il maggior consumo con 10,6 litri, seguita da Francia (10,4 litri), Spagna (7,8 litri) e Italia (7,7 litri).

Nel Regno Unito il consumo era di 9,7 litri. Tra il 2010 e il 2020, il consumo di alcol è diminuito in 25 paesi mentre è aumentato in 11.

Alcuni paesi hanno registrato lievi variazioni, ma la maggior parte ha mostrato cambiamenti significativi. Il consumo è diminuito di oltre un litro in 14 paesi, mentre è aumentato in 5 paesi.

Irlanda e Lituania hanno registrato i maggiori cali, con una riduzione di 2,1 litri ciascuno, seguiti da Spagna e Grecia (2 litri ciascuno).

Anche Paesi Bassi, Francia, Cipro e Finlandia hanno visto diminuzioni superiori a 1,5 litri. Riduzioni tra 1 e 1,5 litri sono state registrate in Serbia, Belgio, Croazia, Danimarca, Svizzera e Germania.

Nell’Ue il consumo di alcol è diminuito di 0,6 litri tra il 2010 e il 2020. La Lettonia ha registrato l’aumento maggiore dove il consumo è aumentato di 2,3 litri.

Anche Bulgaria (1,4 litri), Malta (1,1 litri), Romania e Polonia (1 litro ciascuno) hanno mostrato aumenti significativi. L’aumento è stato superiore a 0,5 litri in Norvegia, Italia e Islanda.

Poiché il consumo di alcol varia notevolmente in tutta Europa, osservare la variazione percentuale è un indicatore utile.

La Grecia ha registrato il calo maggiore, pari al 24,1%, seguita dai Paesi Bassi (20,9%), Spagna (20,4%) e Turchia (20%). Il tasso di declino è stato superiore al 15% anche in Irlanda, Serbia, Lituania, Finlandia, Francia e Cipro. La Lettonia ha registrato l’aumento più elevato in termini percentuali con un 23,5%.

Molti paesi europei hanno implementato politiche per limitare il consumo di alcol, come tassazione, restrizioni sulla disponibilità di alcol e divieti sulla pubblicità degli alcolici.

Tuttavia, secondo l’OCSE, la loro efficacia è spesso limitata da scarsa attuazione e risorse insufficienti. Il consumo di alcol differisce significativamente in base al sesso e all’istruzione. Più che la quantità, si analizza la percentuale di forti bevitori episodici.

Si tratta della percentuale di adulti di età pari o superiore a 18 anni che hanno riferito di aver bevuto 60 grammi o più di etanolo puro in una singola occasione negli ultimi 30 giorni, equivalente a 6 drink o più.

Nel 2019, quasi un adulto su cinque (19%) ha riferito di bere eccessivamente almeno una volta al mese nei paesi dell’UE, una percentuale stabile dal 2014.

In tutti i paesi, gli uomini erano più propensi delle donne a riferire di bere pesantemente in modo episodico.

Nel 2019, in media nei paesi dell’UE, il 26,6% degli uomini ha riferito di bere in modo episodico eccessivo almeno una volta al mese, rispetto all’11,4% delle donne.

La percentuale più alta di consumo episodico eccessivo di alcol negli uomini è stata segnalata dalla Romania (55,2%). Questo tasso era superiore al 35% in Danimarca, Lussemburgo, Germania e Belgio.

Le donne in Danimarca, Lussemburgo, Germania e Irlanda hanno mostrato i tassi più alti di consumo eccessivo di alcol episodico, superiore al 20%.

Il rapporto tra forti bevitori tra uomini e donne dimostra il divario di genere. Nel 2019, questo era 2,33 nell’UE, il che indica che 2,33 uomini erano forti bevitori rispetto alle donne. Questo rapporto era il più basso in Irlanda (1,46), Islanda (1,63) e Germania (1,74).

Turchia e Cipro erano valori anomali nel divario di consumo di alcol in termini di genere, dove questo rapporto era superiore a 8.

La ricerca accademica suggerisce che le differenze di genere potrebbero essere correlate a diverse aspettative culturali e riflettere i tradizionali ruoli di genere. Potrebbe anche essere associato al divario occupazionale di genere e al reddito più basso.

Anche il livello di istruzione conta nel bere pesante. Le persone con livelli di istruzione più bassi non presentano un tasso più elevato di consumo eccessivo di alcol episodico nei paesi dell’UE, ad eccezione della Lettonia.

In media, il 12,5% delle persone con un’istruzione inferiore alla scuola secondaria superiore ha dichiarato di bere pesantemente in modo episodico, rispetto al 20% o più delle persone con almeno un’istruzione secondaria superiore (22,3%) o terziaria (20,2%).

Queste differenze riflettono significativamente una maggiore capacità di acquisto. “L’alcol è più accessibile per le persone con un livello di istruzione più elevato e con redditi più alti. Tuttavia, se si considerano i danni legati all’alcol, l’onere è maggiore per le persone con uno status socio-economico inferiore”, si legge nel rapporto “Health at State of Health in the EU Cycle” dell’OCSE. -2022′ trovato il rapporto.

Il tasso più elevato di divario tra i forti bevitori di istruzione è stato riscontrato in Lettonia, Grecia, Estonia, Bulgaria e Lituania.

In questi paesi, il tasso di consumo episodico eccessivo di alcol tra le persone con un’istruzione inferiore era leggermente superiore a quello con un’istruzione terziaria.

Esiste un livello sicuro di consumo di alcol? È una domanda semplice con una risposta semplice: no, non esiste. “Non possiamo parlare di un cosiddetto livello sicuro di consumo di alcol. Non importa quanto bevi: il rischio per la salute di chi beve inizia dalla prima goccia di qualsiasi bevanda alcolica”, ha affermato la dott.ssa Carina Ferreira-Borges, dell’Unità ad interim.

Lo ha spiegato il Responsabile per la gestione delle malattie non trasmissibili e Consigliere regionale per l’alcol e le droghe illecite presso l’Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS.

Tuttavia, la quantità di alcol è ancora importante: “L’unica cosa che possiamo dire con certezza è che più si beve, più è dannoso – o, in altre parole, meno si beve, più è sicuro”, ha detto Ferreira-Borges.

Gestione cookie