Gaza: nei campi profughi condizioni igieniche ridotte al minimo

Centinaia di migliaia di sfollati a Gaza vivono tra rifiuti e liquami che contaminano la poca acqua a loro disposizione. Paura per il colera

Con l’arrivo dell’estate e l’aumento delle temperature, le condizioni sanitarie nei grandi campi degli sfollati palestinesi sono peggiorate, aumentando il rischio di malattie come epatite A e colera.

La situazione è particolarmente critica a Deir al Balah, nel centro della Striscia di Gaza, dove sono arrivate centinaia di migliaia di persone fuggite da Rafah, più a sud, in seguito alle operazioni dell’esercito israeliano iniziate a maggio.

Nei campi profughi di Gaza la situazione sanitaria sta diventando insostenibile

Nei campi mancano acqua potabile, sistemi fognari, aree di soccorso adeguate e zone per isolare i rifiuti. Alcuni sfollati hanno raccontato all’Associated Press che, da quando si sono spostati verso nord, le loro condizioni di vita sono peggiorate ulteriormente.

Nei campi è difficile dormire a causa dell’odore dei rifiuti in decomposizione e delle feci, oltre alla presenza di insetti come scarafaggi e mosche, e piccoli roditori che infestano le tende sempre più calde.

Le temperature massime hanno superato i 30 °C e si prevede che aumenteranno con l’arrivo dell’estate. Secondo le Nazioni Unite, circa tre quarti dei sistemi di trattamento delle acque a Gaza sono stati distrutti o gravemente danneggiati dai bombardamenti israeliani, parte delle operazioni ufficiali contro i miliziani di Hamas.

Gaza, nei campi profughi ci sono degli enormi problemi con le condizioni igieniche
Gaza, nei campi profughi ci sono degli enormi problemi con le condizioni igieniche – Abed Rahim/Ap – Sardegnaoggi.it

 

Le cinque principali centrali di trattamento delle acque reflue sono state rese inutilizzabili, così come i principali impianti di desalinizzazione e di estrazione di acqua dolce dalle falde.

Gli impianti ancora funzionanti o riparati non sono comunque operativi con continuità a causa della carenza di carburante. La mancanza di acqua potabile si riflette sulle abitudini e sulla salute della popolazione, specialmente nei numerosi campi della Striscia di Gaza.

È stato stimato che per bere, cucinare e lavarsi una persona sfollata utilizzi 2 litri di acqua, contro i 15 litri raccomandati dalle linee guida delle principali istituzioni sanitarie. L’acqua potabile viene distribuita con autobotti, ma le razioni sono scarse e per riceverle si formano code di persone che durano ore.

In molti campi manca un sistema fognario adeguato per la raccolta e lo smaltimento delle feci. Si utilizzano buche coperte da teli che causano ristagni e contaminano l’acqua utilizzata nei campi, aumentando il rischio di malattie.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha registrato, fino a inizio giugno, oltre 80.000 casi di epatite A, un’infezione del fegato causata da un virus che si trasmette principalmente attraverso cibo o acqua contaminati da feci infette.

L’OMS e altri esperti temono che nelle prossime settimane possano diffondersi casi di colera, una malattia causata da un batterio che si sviluppa in acqua e alimenti contaminati dalle feci.

Oltre alle acque reflue non trattate, ci sono molti problemi legati alla gestione dei rifiuti nei campi. Dopo l’invasione israeliana, le discariche solitamente utilizzate sono state chiuse o sono diventate inaccessibili.

Le Nazioni Unite stimano che quasi il 70% degli impianti idrici e igienico-sanitari di Gaza siano stati distrutti o danneggiati dai pesanti bombardamenti israeliani.

Ciò include tutti e cinque gli impianti di trattamento delle acque reflue del territorio, oltre agli impianti di desalinizzazione dell’acqua, alle stazioni di pompaggio delle acque reflue, ai pozzi e ai serbatoi.

I dipendenti che un tempo gestivano i sistemi idrici e di smaltimento dei rifiuti municipali sono stati sfollati e alcuni uccisi, dicono i funzionari.

Questo mese, uno sciopero israeliano a Gaza City ha ucciso cinque dipendenti pubblici che riparavano pozzi d’acqua, ha detto la città.

Nonostante la carenza di personale e le attrezzature danneggiate, alcuni impianti di desalinizzazione e pompe per le acque reflue funzionano, ma sono ostacolati dalla mancanza di carburante, dicono gli operatori umanitari.

La necessità di isolare i rifiuti ha portato alla creazione di aree di raccolta non ufficiali, dove viene lasciato ogni tipo di immondizia. In alcuni casi, la mancanza di spazi e alternative ha costretto gli sfollati a piantare le loro tende vicino ai rifiuti, che continuano ad accumularsi senza possibilità di essere smaltiti.

Oltre al forte odore di decomposizione, i rifiuti attirano insetti e piccoli animali, rendendo la vita difficile e insostenibile per chi vive nei pressi.

COGAT, la divisione del ministero della Difesa israeliano responsabile della logistica degli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza, ha dichiarato di aver avviato alcune iniziative per migliorare le condizioni igieniche nei campi, ma finora non si sono registrati progressi significativi.

“Le mosche sono nel nostro cibo”, ha detto Adel Dalloul, un ventunenne la cui famiglia si è stabilita in un campo tendato sulla spiaggia vicino alla città centrale di Nuseirat, a Gaza.

Sono finiti lì dopo essere fuggiti dalla città meridionale di Rafah, dove sono atterrati dopo aver lasciato la loro casa nel nord di Gaza. “Se provi a dormire, mosche, insetti e scarafaggi ti saranno addosso.”

“La puzza di Gaza è sufficiente a farti venire subito la nausea”, ha detto Sam Rose, direttore dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi.

Anche le condizioni richiedono un tributo emotivo. Anwar al-Hurkali, che vive con la sua famiglia in una tendopoli nella città centrale di Deir al-Balah, a Gaza, ha detto che non riesce a dormire per paura di scorpioni e roditori.

Non lascia che i suoi figli escano dalla tenda, dice, temendo che si ammalino a causa dell’inquinamento e delle zanzare. “Non sopportiamo l’odore delle acque reflue”, ha detto. “Ci sta uccidendo”.

Il COGAT ha affermato che si sta coordinando con le Nazioni Unite per riparare gli impianti fognari e il sistema idrico di Gaza. Israele ha aperto tre linee d’acqua “pompando milioni di litri al giorno” a Gaza, ha affermato.

Ma le persone spesso aspettano ore in fila per raccogliere l’acqua potabile dai camion delle consegne, riportando alle proprie famiglie tutto ciò che possono trasportare. La scarsità fa sì che le famiglie spesso si lavino con acqua sporca.

Questa settimana, ha detto Dalloul, ha fatto la fila per prendere l’acqua da un venditore. “Abbiamo scoperto che era salato, inquinato e pieno di germi. Abbiamo trovato dei vermi nell’acqua. Ne avevo bevuto”, ha detto. “Ho avuto problemi gastrointestinali e diarrea, e fino a questo momento mi fa male lo stomaco.”

Poiché gli impianti di trattamento delle acque reflue sono stati chiusi, i liquami non trattati si stanno infiltrando nel terreno o vengono pompati nel Mar Mediterraneo, dove le maree si spostano a nord verso Israele.

“Se ci sono cattive condizioni dell’acqua e falde acquifere inquinate a Gaza, allora questo è un problema per Israele”, ha detto Rose, dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. “In passato ciò ha spinto Israele ad agire per cercare di migliorare la situazione”.

Il COGAT ha detto che sta lavorando per “migliorare i processi di gestione dei rifiuti” e sta esaminando proposte per creare nuove discariche e permettere a più camion della spazzatura di entrare a Gaza.

Gestione cookie